Pre-Workout: con o senza stimolanti?

Pre-Workout: con o senza stimolanti?

Uno degli argomenti che più incuriosisce chi si approccia per le prime volte al mondo della palestra è quello dell'integrazione: ultimamente si è posta molto l'attenzione su quella prima, durante o dopo il workout.
Quando si parla di pre-workout, in particolare, si cerca sempre qualcosa che dia la giusta carica, quel boost extra, sia fisico che mentale, che ci aiuti a spingere al massimo durante l'allenamento.
La domanda, però, in questi casi è sempre la stessa: meglio integratori con o senza stimolanti?

Integratori pre-workout: meglio con o senza stimolanti?

Abbiamo già accennato al fatto che un integratore pre-workout può aiutare a darvi la carica e ad affrontare l'allenamento con il giusto approccio fisico e mentale. Anche perché l'organismo umano somma gli stress fisici e psichici tra di loro (perché lo stress è sempre stress, fisico o mentale che sia) e capita che a fine giornata rimangano poche energie da dedicare al workout. Ecco allora che ci vengono incontro gli integratori pre-workout, fornendoci la giusta spinta e motivazione per sostenere l'intensità di allenamento che vogliamo raggiungere.

Ma quando va assunto un integratore del genere?
In linea di massima andrebbero ingeriti tra i 30 e i 60 minuti prima del workout, in modo da dar loro il tempo di entrare in circolo.

Integratori pre-workout: con o senza stimolanti?

Stabilito una volta per tutte cosa sono i pre-workout e quando assumerli, veniamo al punto cruciale: come scegliere il nostro pre workout? Meglio con o senza stimolanti? La risposta, come spesso accade, è un sonoro: dipende.

Innanzitutto per avere un buon pre-workout è possibile sia prendere i singoli elementi uno per uno, oppure scegliere un integratore completo che li contenga tutti.
La possibilità di scegliere i singoli elementi offre una maggiore versatilità, ma presuppone anche una maggiore conoscenza della materia; inoltre, potrebbe essere meno pratico.
Utilizzare un unico pre-workout composito, d'altro canto, è estremamente comodo, ma dovrete trovare il prodotto che più fa per voi.

Vediamo quali sono gli stimolanti e i loro possibili effetti collaterali.

Integratori stimolanti

Per lo più quando si parla di integratori stimolanti si parla di integratori contenenti caffeina.
La caffeina è un alcaloide di origine naturale presente all'interno di diversi vegetali (caffè, cacao, tè, cola, guaranà, matè) considerato un potente ergogenico e termogenico (ovvero, rispettivamente, favorisce la produzione di energia e aumenta il processo di produzione di calore corporeo, da cui si ottiene un maggiore dispendio calorico). Se ingerita circa 1 ora prima dell'allenamento in dosi moderate (200-400 mg), ha un'azione positiva sulla performance della maggior parte degli atleti in quanto provoca un aumento dei livelli delle catecolamine adrenalina e noradrenalina. Si tratta di due neurotrasmettitori fondamentali per il processo di adattamento a stress psicofisici intensi ed improvvisi, ragion per cui sono considerati adattogeni, ovvero, migliorano la risposta del  nostro organismo allo stress, consentendo di mantenere alto sia il focus che la soglia dell'attenzione.

Nello sportivo sottoposto a sforzi per periodi prolungati contribuisce infatti all'aumento delle prestazioni e della capacità di resistenza in quanto avremo:

  • Aumento del battito cardiaco, con conseguente aumento dell'afflusso di sangue ai muscoli
  • Diminuzione dell'afflusso di sangue a pelle e organi interni
  • Aumento del rilascio di glucosio dal fegato
  • Aumento della mobilizzazione di acidi grassi liberi dal tessuto adiposo intramuscolare

Quindi avremo sicuramente una stimolazione del sistema nervoso (che si concretizzano in un aumento della durata e della potenza espressa), ma vi è anche un effetto periferico a livello di stimolazione della contrattilità muscolare.

Naturalmente uno degli svantaggi degli stimolanti è che possono avere degli effetti collaterali. Naturalmente, visto e considerato che non stiamo parlando di farmaci, si tratta di effetti indesiderati di lieve entità, che possono essere più o meno evidenti a seconda del soggetto (ad esempio, ci sono persone più sensibili alla caffeina e altre che non l'accusano per niente).
Ad esempio, potrebbe dare disturbi gastrointestinali, oppure aumentare la risposta cortisolemica allo stress, o ancora portare insonnia, tachicardia, ipertensione (oltre a ridurre assorbimento e biodisponibilità di alcune sostanze, come vitamina B2, calcio, ferro...). Senza contare che ci sono limitazioni di utilizzo (ad esempio in gravidanza e allattamento, o in caso di problemi cardiaci).

Come ovviare a questi eventuali effetti indesiderati? Un esempio potrebbe essere quello di optare per elementi con un effetto simile, ma con meno effetti collaterali, come ad esempio la teobromina e l'alfa GPC.

La teobromina è un alcaloide che si trova soprattutto nel cacao (ma anche, in misura minore, in tè, guaranà, cola e matè). Ha una leggera azione diuretica, ma soprattutto cardiotonica e vasodilatatoria, nonché psicostimolante (circa 10 volte meno della caffeina). Viene spesso inserita negli integratori energetici, brucia-grassi e/o anti-cellulite. Il suo vantaggio indiscusso rispetto alla caffeina è proprio che, avendo un effetto stimolante molto più blando, è davvero difficile assumerla in dosi tali da avere effetti collaterali.

L'alfa GPC è un metabolita della colina, precursore a sua volta dell'acetilcolina (un neurotrasmettitore naturalmente sintetizzato dall'uomo), pertanto la sua assunzione migliora le prestazioni sportive aumentando sia memoria e concentrazione che sonno e umore. Ha inoltre proprietà antiossidanti, neuroprotettive, cardioprotettive e protettive delle membrane cellulari, ragion per cui è utile tanto a migliorare le funzioni cognitive quanto ad aumentare la massa muscolare, la forza in generale ed il focus, andando ad agire su più punti diversi, ma ugualmente importanti.
È inoltre noto per la capacità di stimolare la produzione di la somatotropina (o GH, il cosiddetto ormone della crescita), che oltre a stimolare, com'è noto, la crescita di ossa e cartilagini durante l'età dello sviluppo, va anche, indistintamente dall'età, a stimolare la sintesi delle proteine; il GH è inoltre coinvolto nello smaltimento e utilizzo del grasso corporeo, quindi pare che negli adulti possa contribuire non solo ad aumentare la massa muscolare, ma anche a ridurre la massa grassa.

Con o senza stimolanti: come scegliere

Naturalmente in un buon pre-workout si deve andare a ricercare l'azione sinergica di più elementi: va bene stimolare il cervello, ma bisogna anche aumentare vasodilatazione e pump, in modo da migliorare l'afflusso sanguigno ai muscoli e pertanto di scambio cellulare, con conseguente miglioramento sia della prestazione durante la sessione di allenamento che del recupero successivo.
Ecco che abbiamo bisogno quindi di sostanze che vadano a:

  • Favorire l'idratazione e la volumizzazione cellulare (glutammina, creatina, taurina, glicerolo)
  • Aumentare l'afflusso di sangue ai muscoli (citrullina, arginina, associati o meno a glutatione e norvalina)
  • Ritardare l'insorgenza della fatica a livello periferico (b alanina) o centrale (bcaa)
  • Aumentare forza, ipertrofia e prestazione generale (creatina, hmb, flavonoidi di arancia)
  • E infine, anche, stimolare il sistema nervoso (caffeina, teobromina, alfa GPC)

La scelta, pertanto, dipende da vari fattori, a partire dalla propria tolleranza personale alla caffeina, ricordandosi sempre però che molte di queste sostanze con il tempo possono dare un po' di assuefazione e pertanto diminuire in efficacia.

Una possibile scelta è di ciclizzare l'utilizzo, alternando l'assunzione di pre-workout con e senza stimolanti in modo da non far abituare mai troppo l'organismo e massimizzare l'efficacia della nostra integrazione.

Un'altra scelta possibile è di optare per un integratore come il 2-20 Mega Energy, della L-Absinthe: un prodotto senza caffeina, ma con teobromina e alfa GPC, quindi è adatto praticamente a tutti. Contiene un quadro amminoacidico completo (tutti gli amminoacidi essenziali più citrullina, taurina, tirosina) oltre a: Acetil L-Carnitina Cloridrato, creatina, glutammina e (come abbiamo già visto) teobromina e alfa-GPC. L'effetto sinergico di tutti questi elementi unici lo rende un prodotto unico sul mercato, dalle caratteristiche davvero elevate, studiato appositamente per gli sportivi che cercano di trarre il massimo supporto per il proprio allenamento.
Facilmente solubile in acqua, è inoltre velocemente assimilabile (bastano 30-40 minuti al massimo), cosa che, insieme con la tipologia e la qualità degli ingredienti, lo rende un integratore pre-workout perfetto.

12 days ago
22 view(s)
Copyright 2021 - tutti i diritti riservati | ecommerce agency Armah.it